Questo sito è ottimizzato per IE versione 9 e successive, per una corretta visualizzazione aggiornate il vostro browser

SOS Preferenze Graduatoria: 5 consigli per fare la scelta giusta

SOS Preferenze Graduatoria: 5 consigli per fare la scelta giusta

Milano, 11 luglio 2016 - Con le iscrizioni ai test nazionali in corso adesso la domanda è una sola: quante e quali preferenze indicare durante l'iscrizione? C'è una strategia da seguire in base al proprio obiettivo? Cerchiamo di fare il punto e chiarezza, sfatando i miti e aiutandovi a scegliere consapevolmente le preferenze da indicare durante l'iscrizione al test.

Punto 1: Come funziona la Graduatoria

Per chi non avesse proprio idea di come funzionino le graduatorie per i test nazionali, vi consigliamo la lettura del nostro articolo-esempio su come funziona la Graduatoria che vi aiuta a mettere a fuoco il procedimento dell’attribuzione dei posti a concorso. In generale tenete comunque presente che la graduatoria per i corsi a numero programmato nazionale è UNICA e NAZIONALE, quindi:

  • NON vengono redatte graduatorie per singola università (cosa che invece accade per Professioni sanitarie, ad esempio)
  • NON vengono redatte graduatorie per singolo corso di laurea. Per Medicina-Odontoiatria, quindi, come anche per Architettura-Ingegneria Edile, potete inserire sia preferenze relative a un corso di laurea sia a un altro. Esempio:
    1° scelta Medicina Firenze, 2° scelta Odontoiatria Milano Statale ...
    1° scelta Architettura Politecnico di Bari, 2° scelta Bologna Ingegneria Edile-Architettura 

In poche parole, la Graduatoria Unica Nazionale è un sistema di assegnazione che incrocia il punteggio che avete ottenuto al test con i posti disponibili nelle preferenze che avete indicato. Il 4 ottobre, quindi, troverete su accessoprogrammato.miur.it una sola graduatoria in cui figureranno tutti i candidati che hanno sostenuto il test, con il loro punteggio e le loro preferenze. I candidati che hanno ottenuto almeno 20 punti su 90, il punteggio-limite per poter entrare in graduatoria e partecipare alle assegnazioni, vengono ordinati in base al punteggio (in caso di parità, vengono applicate delle regole che qui non precisiamo che potete trovare dettagliate nel decreto ministeriale). La Graduatoria di fatto premia SEMPRE e SOLO il punteggio, l'unico strumento tramite il quale venite valutati e potete accedere ai posti disponibili nelle università che vi interessano. La graduatoria si aggiorna in seguito a tornate di assegnazione chiamate scorrimenti, cioè in vari appuntamenti a cadenza di circa un paio di settimane a partire dal 4 ottobre 2016. Questo vi può già dare un indizio per rispondere alla domanda al punto 2, che ha a che fare con i vari "stati" in cui vi potete trovare.

Consiglio: capire bene come funziona la Graduatoria è il primo modo per iniziare a scremare tra le tante preferenze disponibili e a inserire il numero di scelte giuste per voi. Dedicate tempo agli approfondimenti e ai video-tutorial che abbiamo realizzato sul nostro sito per mettere bene a fuoco il procedimento: solo se diventate dei veri Graduatoria-Guru potete fare la scelta giusta.

Punto 2: Chi entra tra noi due?

Nel momento in cui inizieranno le assegnazioni vi potrete ritrovare in almeno 3 condizioni: assegnatoprenotatoidoneo. Per capire meglio le caratteristiche di ciascuno, fate riferimento al nostro articolo esempio su come funziona la Graduatoria. Tenete in ogni modo presente, come indicazione generale, che:

  • lo stato di assegnato è uno stato irrevocabile in cui ottenete subito un posto sicuro e obbligato nella sede che avete indicato perché è la prima preferenza in cui c'è un posto per voi
  • se risultate prenotati significa che il MIUR non è certo che nelle vostre prime preferenze siano davvero finiti tutti i posti, quindi vi colloca in una posizione temporanea, dalla quale potete ancora ambire a un posto in una preferenza maggiore. Questa condizione la potete affrontare solo se vi trovate in uno degli scorrimenti, in cui cioè il MIUR ha già raccolto il numero effettivo di immatricolati e può proseguire nella assegnazione dei posti ancora disponibili.

Partiamo da una domanda che stiamo ricevendo in questi giorni: "Se io metto come prima scelta Padova e Ferrara come seconda, nel caso in cui il mio punteggio non mi permettesse di entrare a Padova ma fosse superiore a quello di un candidato che ha messo come prima scelta Ferrara, chi entra tra noi due?". Proviamo a tradurla e a mettere a fuoco questo esempio (aggiungiamo una terza colonna non inclusa nella domanda perché ci serve per chiarire un altro dubbio):

Candidato e punteggio

1° Preferenza

2° Preferenza

Altre preferenze

Candidato A, 60 punti

Medicina Padova 

Medicina Ferrara

Nessuna

Candidato B, 58 punti

Medicina Ferrara

Medicina Padova

Medicina Palermo

In questo esempio, quindi, se il candidato A al momento dell'assegnazione non entra a Padova è perché i posti sono esauriti, quindi verrà subito considerato per un posto a Ferrara. Non c'entra niente, come vedete, l'ordine delle preferenze per "chi entra prima", ma solo ed esclusivamente il punteggio. Lo scriviamo a lettere cubitali: l'ordine delle preferenze non incide in nessun modo sulla possibilità di ottenere più facilmente un posto. Il candidato B del nostro esempio non potrà in nessun modo superare A in graduatoria, che difatti potrà ritrovarsi in una di queste condizioni:

  • assegnato a Ferrara se i posti a Padova sono già stati tutti confermati tramite immatricolazione
  • prenotato a Ferrara se i posti a Padova sono stati assegnati nello stesso turno e quindi non sono già stati tutti coperti tramite immatricolazione
  • eliminato dalla graduatoria se anche i posti a Ferrara sono stati completamente coperti dalle immatricolazioni

Tenete presente che queste sono condizioni uniche: non vi ritroverete mai assegnati o prenotati contemporaneamente in due sedi, ma solo uno "stato" su una "preferenza".

Il candidato B, intanto, potrà ottenere un posto a Ferrara solo se ci sono ancora posti disponibili. Se l'ultimo posto è stato occupato da A, infatti, il candidato B verrà subito considerato per Medicina Palermo.

Questo come vedete fa emergere un altro aspetto interessante: la graduatoria incrocia il punteggio che avete ottenuto con le preferenze, quindi anche se avete ottenuto un punteggio che vi colloca al "piano inferiore" ma avete inserito più scelte, avete più possibilità di entrare

Consiglio: applicate, nella scelta delle preferenze, l'ordine delle università e dei corsi in cui volete davvero studiare. Se fate un ottimo test e vi collocate in cima alla graduatoria, potete concorrere per i posti disponibili in queste sedi prima degli altri. Se invece inserite subito in cima delle università con una media di punteggi minimi più bassi, potreste ritrovarvi assegnati lì e non in altre sedi per voi più interessanti, mangiandovi le mani per l'opportunità che avete sprecato. Seguire questa "linea" che vi stiamo suggerendo non vi fa rischiare nulla: se i posti nelle vostre scelte più alte terminano, venite comunque subito considerati per le altre scelte che avete indicato subito dopo.

Punto 3. Quante preferenze inserire

"Serve inserire tutte le preferenze di Medicina per avere più possibilità di entrare?". La risposta a questa domanda è SI SE:

  • SI se veramente siete disposti a entrare in tutte le università e siete disposti a trasferirvi in qualsiasi sede in cui ottenete un posto
  • NO se avete in testa solo un gruppo ristretto di università e volete entrare solo in quelle

Se fate parte del primo caso, l'ideale è ordinare le preferenze NON tenendo conto dei punteggi minimi di accesso dello scorso anno, ma solo seguendo le vostre reali intenzioni. Tenete conto che concretamente per voi l'ordine delle preferenze non incide in nessun modo sulle vostre opportunità di accesso. Intendiamo dire che avete deciso di concorrere per tutti i posti disponibili in Italia, quindi di fatto l'ordine che adottate per le vostre preferenze può fare a meno di strani calcoli e speculazioni su dove sia più facile o difficile entrare.  

Se fate parte del secondo caso, l'ideale è scegliere SOLO le preferenze che rappresentano le vostre reali intenzioni. Ma attenzione: siete sicuri di voler limitare le vostre possibilità di accesso in questa fase? Siete davvero sicuri che solo quelle due università siano le sedi in cui abbiate voglia/disponibilità di andare a studiare? Limitare il numero di preferenze non è a priori sbagliato, basta che sia una scelta consapevole.

Consiglio: più preferenze inserite, maggiori sono le opportunità di ottenere un posto disponibile. Inserite in cima sempre e solo le vostre reali preferenze. Se vi interessa non solo Medicina ma anche Odontoiatria, inserite anche preferenze per Odontoiatria e viceversa: seguite sempre e solo le vostre reali intenzioni. Se non vi interessa concorrere per l'altro corso di laurea, lasciate perdere. Se e solo se siete disposti a trasferirvi in tutta Italia e volete comunque farvi un'idea dei risultati registrati lo scorso anno in ogni città, potete consultare la tabella con i punteggi minimi di accesso Medicina-Odontoiatria per considerare anche questo aspetto nell'ordinazione delle scelte. Noi però ve l'abbiamo detto, è a vostro rischio e pericolo. :)

Punto 4. Fino a quando cambiare le preferenze

Se avete già effettuato l'iscrizione al test con relativo ordine delle preferenze e questo articolo vi ha fatto venire dei dubbi, non vi preoccupate. Potete cambiare le vostre scelte in piena libertà fino alle 15:00 del 26 luglio 2016. Il pagamento della quota di partecipazione al test, invece, potete farlo fino al 29 luglio.

Consiglio: se volete cambiare l'ordine delle preferenze dalla seconda in giù, dovete semplicemente accedere a Universitaly e modificare l'ordine; al termine vi verrà prodotto un nuovo PDF con l'ordine delle preferenze aggiornato. Se desiderate cambiare anche la prima scelta, ricordatevi che entro il 29 luglio deve pervenire all'ateneo il nuovo pagamento. Se quindi avete già pagato il bollettino ma volete fare il test in un'altra sede, dovrete corrispondere un nuovo pagamento e il primo andrà perso. Tenete inoltre presente che più le cambiate, più vi caricate di tensione e di confusione. Meglio ragionare "al tavolo" e poi effettuare l'iscrizione al test con le idee chiare, evitando di continuare a fare modifiche che vi possono rendere insicuri e preoccupati.

Punto 5. Keep Calm and Trust Alpha Test

Siamo sempre a tua disposizione su tutti i nostri canali social. Se qualcosa non ti fosse ancora chiaro, parliamone assieme agli altri studenti che, come te, stanno affrontando l'iscrizione al test.

Segui la diretta sulla Pagina Facebook di Alpha Test

Le altre news sui test

Le date dei test di ammissione

Borse di Studio Alpha Test: ecco i 6 vincitori per l'a.a. 2016/2017

80.843 candidati per i test dei corsi ad accesso programmato nazionale 2016

«Come ho superato il test di Medicina»: la lettera di Margherita

Aumentano gli iscritti al Test Medicina Cattolica 2016

Pubblicate le date dei test nazionali 2016

Indagine DOXA: ammessi a Medicina, ecco come si preparano