Questo sito è ottimizzato per IE versione 9 e successive, per una corretta visualizzazione aggiornate il vostro browser

Test Medicina: troppe 12 domande di cultura generale, parola di logico

Test Medicina: troppe 12 domande di cultura generale, parola di logico

Milano, 12 aprile 2019. Il «Corriere della sera» riporta oggi un intervento di Roberto Giuntini e Giuseppe Sergioli, della Società Italiana di Logica e Filosofia della Scienza. Secondo i due studiosi «la logica serve per fare il medico» e dimezzare il suo peso in favore della cultura generale non è una buona soluzione.

Per quanto di parte possa suonare questo giudizio, vale la pena leggere le solide argomentazioni che i due Autori adducono a supporto della loro critica.

La notizia da cui partono è nota: quest'anno nei test nazionali come quello di Medicina, i candidati dovranno rispondere a 10 domande di ragionamento logico (erano 20 gli anni scorsi) e a 12 di cultura generale (erano 2 quesiti fino a ora).

NOVITÀ SI FA PER DIRE. Giuntini e Sergioli* cominciano notando come la scelta di privilegiare la cultura generale rispetto alla logica sia tutt'altro che innovativa, dato che, fino a qualche anno fa, la materia più rappresentata nelle domande del test di ammissione era proprio la cultura generale; a loro avviso questa decisione «suscita non poche perplessità poiché in controtendenza con la tradizione internazionale — soprattutto quella di matrice anglosassone — in cui logica, ragionamento critico e analisi del testo acquisiscono una valenza sempre crescente nell'ampio panorama riguardante criteri e tecniche di valutazione».

DA ATTITUDINALE A NOZIONISTICO. La critica si sofferma poi sulla distribuzione del numero di domande tra le varie materie: nel test 2019 infatti, l'aumento delle domande di cultura generale porterà al ridimensionamento dei soli quesiti di logica, mentre le domande delle altre discipline (biologia, chimica, matematica e fisica) non cambiano di numero. La prova di ammissione mostra così un forte sbilanciamento verso il nozionismo smorzando di molto la possibilità di valutare le attitudini, che è da sempre la sua principale caratteristica. Ancora i due logici: «È bene ricordare come il test di ammissione, in realtà, non nasca tanto come una prova di verifica su conoscenze già acquisite (alla stregua di tutti gli esami universitari che ne seguiranno) quanto piuttosto come una prova attitudinale, volta a vagliare le potenzialità del candidato».

UN’OCCASIONE PERSA. Secondo la Silfs, prepararsi a un test attitudinale che prevede molte domande di ragionamento ha un ruolo essenziale proprio perché la logica è la sola materia del test non strettamente collegata a nozioni precedentemente acquisite; per questo motivo «ridurre i tempi di allenamento al ragionamento logico in quella che molto probabilmente è l’unica occasione che i ragazzi si troveranno ad affrontare nella loro carriera, appare una scelta poco felice».

LA LOGICA SERVE PER FARE IL MEDICO. In quello che i due docenti di logica indicano come «il mare disordinato dei dati e delle informazioni», risulta più importante essere «allenati sin dall'inizio della propria formazione a interpretare e valutare criticamente le conoscenze che si acquisiscono». Nella gerarchia delle competenze di un futuro medico, insomma, la cultura generale dovrebbe venire dopo il pensiero logico. Parola di filosofo.

* Test di Medicina 2019: che errore ridurre i quesiti di logica, le nozioni non bastano.
Articolo pubblicato su www.corriere.it il 12 aprile 2019.

Le altre news sui test

Norbert, primo su 60mila: ecco chi è il migliore d'Italia

La graduatoria ufficiale del test di Medicina (e di Veterinaria): ecco la nostra analisi

Graduatorie anonime del test di Medicina 2019: ecco il punteggio minimo per entrare

Graduatorie Professioni Sanitarie: quando escono?

95.166 le iscrizioni ai test di ammissione nazionali di settembre

Test Medicina 2019: iscrizioni aperte fino al 25 luglio

La Classifica delle migliori Università Italiane 2019/2020

Test Medicina: rinviata a luglio l'apertura delle iscrizioni

SOS Preferenze Graduatoria: 5 consigli per fare la scelta giusta

Decreto test Medicina 2019: istruzioni per l'uso

Decreto test Medicina 2019 con sorpresa (e conferme)

Test Medicina 2019: verso l'aumento del 20% dei posti

Ecco le date dei test nazionali 2019

Seconda prova maturità scientifica: ecco le soluzioni e i commenti

18app per i ragazzi del 2000: si parte!

Nono al test di Medicina: l'impresa di Shenouda

Test Medicina: i Rettori contro l'abolizione, disponibili ad aumentare i posti

Test Medicina 2019: quali novità?

Le date dei test di ammissione

«Il test di Medicina funziona»: lo dice uno studio della Conferenza dei Presidi

«Come ho superato il test di Medicina»: la lettera di Margherita

Indagine DOXA: ammessi a Medicina, ecco come si preparano