Questo sito è ottimizzato per IE versione 9 e successive, per una corretta visualizzazione aggiornate il vostro browser

Baracche

Baracche
Novità
  • 15% di sconto

Dopo l’8 settembre Papà era nel nord d’Italia, si era rifiutato di firmare per la Repubblica Sociale Italiana, era ricercato e fu catturato a Cantù. Fu processato e condannato a morte ma ebbe la pena tramutata e fu deportato in Germania, prima a Dachau poi nel campo di Wietzendorf.
 Nel campo mio Padre ha iniziato a scrivere, appunti sparsi, una sorta di diario, rifl essioni, quadretti paradossali e pensieri profondi, poesie e canti di dolore. Con mezzi di fortuna come è ovvio immaginare, con matite e carta impossibili da trovare.
 Una volta a casa, ha ripreso gli appunti e li ha trascritti in bella copia con la sua penna stilografica, correggendoli dove era da correggere, modificandoli, aggiungendo ulteriori memorie e immagini rivissute da ricordare. L’intero manoscritto poi l’ha regalato alla sua giovane moglie, sposata nel dicembre del 1949. «Te li regalo, sono tuoi, ma tu non raccontare a nessuno cosa c’è scritto. Perché c’è scritto di morte, di fame e di dolore».
 Mamma ha rispettato questo suo volere, per sempre. Si è tenuta da conto quel manoscritto, come una reliquia, e non ne ha parlato mai con nessuno. Poi, dopo la morte di Papà, avvenuta nel luglio del 1985, ha voluto sciogliere quella promessa, ha ripreso questi fogli, e con pazienza e con passione li ha trascritti uno ad uno...
 (dall’Introduzione di Nanni Dietrich)

Alessandro Dietrich (25 dicembre 1916 - 13 luglio 1985) fu prigioniero nel campo di Wietzendorf tra il 1944 e il 1945.