Questo sito è ottimizzato per IE versione 9 e successive, per una corretta visualizzazione aggiornate il vostro browser

Aula 309. Storia del giudice Guido Galli ucciso da Prima Linea

  • Pagine: 208
  • Formato: 14,8 x 21
  • ISBN: 978-88-518-0221-9
  • Collana: Indicativo Presente
  • Edizione: Prima
  • 10% di sconto
A 14,40 anziché € 16,00
Disponibilità immediata
aggiungi al carrello


Aggiungi alla lista dei desideri Valuta il libro

Il 19 marzo 1980, a Milano, un commando di Prima Linea uccide il giudice istruttore Guido Galli, che sta indagando su diverse sigle del terrorismo rosso milanese.
Sergio Segio e i suoi compagni sparano nei corridoi dell’Università degli Studi di Milano, dove Galli si sta recando a tenere lezione nell’aula 309.
La storia, il carattere, la fede, la passione, l’alta concezione della Giustizia e dello Stato, l’etica profonda con cui Guido Galli ha assolto l’incarico in magistratura; l’amore per i fi gli e l’affetto per gli amici, la disponibilità verso i colleghi, il rispetto sincero dei diritti e delle persone: tutto questo è narrato dalla voce diretta di chi lo ha conosciuto, frequentato e amato, restituendo a tutto tondo una fi gura di straordinaria umanità.
Nel libro si ricostruiscono anche il lavoro di indagine di Galli e la storia di Prima Linea. All’interno di questo gruppo infatti maturò la decisione di uccidere il giudice, sulla base di un cortocircuito etico, logico e politico, che vedeva i peggiori nemici negli uomini migliori dello Stato, capaci di sconfessare la sanguinaria rivolta del terrorismo italiano.
Un libro necessario, per conoscere e per capire.

“Ci sembra che da oggi tante cose
belle abbiano cambiato nome.
Da oggi sarà come se si chiamasse
Guido il candore delle nevi.
Da oggi sarà come se si chiamasse
Guido il verde tenero dei prati;
Guido il sole timido di questa
primavera e quello di tutte
le primavere che verranno,
e gli occhi dei bambini e il sorriso della buona gente.”

Autore
Renzo Agasso (1953) ha pubblicato 25 libri (presso Rizzoli, San Paolo, Paoline e altri editori), in gran parte biografi e di personaggi storici e contemporanei, tra cui Giorgio Ambrosoli e le vittime degli anni di piombo. Alcuni di questi volumi sono tradotti in diverse lingue.