Questo sito è ottimizzato per IE versione 9 e successive, per una corretta visualizzazione aggiornate il vostro browser

Il dio dei corpi

Il dio dei corpi
Novità
  • 10% di sconto
A 11,70 anziché € 13,00
Disponibilità immediata
aggiungi al carrello


Aggiungi alla lista dei desideri Valuta il libro

Alfredo Venti è un artista. Vive con un bambino, ma lui non è suo figlio; insegna disegno in un istituto d’arte, ma è lo zimbello degli studenti. Sta lavorando, da anni, a un’opera che lui chiama L’eternità, e non è altro che una stanza del suo appartamento nella quale accumula, quasi come un barbone, cose trovate per la strada, rifiuti, ritagli di giornale, pezzi di computer, bambole rotte, avanzi di cibo, fotografie stracciate: come se riunendo in un solo luogo una collezione di frammenti di mondo fosse possibile restituire un’immagine del mondo, ed eventualmente un suo senso. Ma L’eternità, opera per definizione interminabile, sta distruggendo Alfredo Venti.
 Senza rendersene conto però Alfredo Venti creerà un’altra opera d’arte, risolutiva. Il dio dei corpi, appunto: l’armadietto dei medicinali e degli psicofarmaci che consuma compulsivamente, unica forma di cura di sé che egli è in grado di praticare.
 Ambientato in quella Pfeffingerstrasse affollata di personaggi misteriosi che per Marosia Castaldi è un luogo mitico – vi ha ambientato anche Il ritratto di Dora e Per quante vite –, Il dio dei corpi è a sua volta un romanzo-cura, un armadietto di medicinali psichici, una forma di resistenza estrema al divorante, maschile dilagare dell’eternità.

Marosia Castaldi è nata a Napoli e vive a Milano.
 Ha pubblicato: Abbastanza prossimo (Tam Tam 1986), Casa idiota (Tringale 1990), La montagna (Campanotto 1991), Piccoli paesaggi (Anterem 1993), Ritratto di Dora (Loggia de’ Lanzi 1994), Fermata km 501 (Tranchida 1997), Per quante vite (Feltrinelli 1999), In mare aperto (Portofranco 2001), Che chiamiamo anima (Feltrinelli 2002), Dava fine alla tremenda notte (Feltrinelli 2004).
 Ha tenuto mostre a Napoli, Milano, Basilea e collabora con il «Verri», «L’Indice», «Il Mattino», «Stilos».