Questo sito è ottimizzato per IE versione 9 e successive, per una corretta visualizzazione aggiornate il vostro browser

From Medea - maternity blues

  • Pagine: 128
  • Formato: 11,6 x 18,4
  • ISBN: 978-88-518-0182-3
  • Collana: Indicativo Presente
  • Edizione: Seconda
  • 10% di sconto
A 12,60 anziché € 14,00
Disponibilità immediata
aggiungi al carrello


Aggiungi alla lista dei desideri Valuta il libro

Rina, Vincenza, Eloisa, Marga. Quattro donne diverse tra loro, ma legate da una colpa comune: l'infanticidio.

Chiuse all'interno di un carcere psichiatrico, trascorrono il loro tempo espiando una condanna, che è soprattutto interiore, per il gesto che ha vanificato anche le loro esistenze.

Dalla convivenza forzata - che genera la sofferenza di leggere la propria colpa in quella delle altre - germogliano amicizie, spezzate confessioni, un conforto senza consolazione.

In un dramma mai assolutorio e sempre sofferto, Grazia Verasani esprime una profonda pietas per donne che la depressione - malattia mentale, sofferenza - ha reso doppiamente assassine: «Quando uccidi tuo figlio, è te stessa che uccidi».

Ma il testo nasce anche come riflessione sull'istinto materno, e come accusa contro il bisogno di creare mostri e giudicare un male che non andrebbe liquidato con leggerezza.

Grazia Verasani vive a Bologna.
È cantautrice (Sotto un cielo blu diluvio è il suo ultimo album, 2010), sceneggiatrice e scrittrice.
Tra i suoi successi editoriali: Quo vadis, baby? (2004), Velocemente da nessuna parte (2006), Tutto il freddo che ho preso (2008), Di tutti e di nessuno (2009).