Questo sito è ottimizzato per IE versione 9 e successive, per una corretta visualizzazione aggiornate il vostro browser

Due colonne taglio basso

Due colonne taglio basso
Novità
  • 5% di sconto
  • Spedizione gratuita con corriere

Il vicecaporedattore della «Gazzetta del mattino» viene trovato morto, la testa fracassata, sul ciglio di una strada di periferia. Per il direttore e per la proprietà la prima esigenza è evitare che il fatto macchi la reputazione del giornale.

Ma un cronista scaltro e determinato si mette a cercare un movente interno alla redazione, nella speranza di ottenere un avanzamento di carriera in cambio del suo silenzio; un altro, nauseato dai giochi di potere dei colleghi ma suo malgrado coinvolto nell’omicidio, finisce per dover rivelare segreti che avrebbe preferito tenere per sé; una giovane gallerista d’arte è costretta a scoprire sulla sua storia d’amore la più sconvolgente e intollerabile delle verità. E un raffinatissimo pubblico ministero di Capri, che ha sempre in mente il suo mare ma nel lavoro non guarda in faccia a nessuno, riesce a concludere l’indagine servendosi della fitta rete di interessi, rivalità e sentimenti mai dichiarati che agitano il microcosmo di un quotidiano di provincia.

La ricchezza dell’intreccio, in cui si insinua una sensualità istintiva ed elegante; la strepitosa capacità di far agire i personaggi in scena; la causticità nel mostrare bassezze e miserie dell’ambiente giornalistico; la finezza nel raccontare i futili motivi di un omicidio come tanti: tutto questo candida Federica Sgaggio a diventare una signora del giallo italiano.

Federica Sgaggio ha sempre sognato di poter scrivere su un risvolto di copertina: «Vive tra Verona e l’Irlanda». In realtà vive tra Verona e Verona e lavora alla redazione Interni ed Esteri del quotidiano «L’Arena».
 Il suo sito è: www.federicasgaggio.it