Questo sito è ottimizzato per IE versione 9 e successive, per una corretta visualizzazione aggiornate il vostro browser

Baracche

Baracche
Novità
  • 10% di sconto
A 13,05 anziché € 14,50
Disponibilità immediata
aggiungi al carrello


Aggiungi alla lista dei desideri Valuta il libro

Dopo l’8 settembre Papà era nel nord d’Italia, si era rifiutato di firmare per la Repubblica Sociale Italiana, era ricercato e fu catturato a Cantù. Fu processato e condannato a morte ma ebbe la pena tramutata e fu deportato in Germania, prima a Dachau poi nel campo di Wietzendorf.
 Nel campo mio Padre ha iniziato a scrivere, appunti sparsi, una sorta di diario, rifl essioni, quadretti paradossali e pensieri profondi, poesie e canti di dolore. Con mezzi di fortuna come è ovvio immaginare, con matite e carta impossibili da trovare.
 Una volta a casa, ha ripreso gli appunti e li ha trascritti in bella copia con la sua penna stilografica, correggendoli dove era da correggere, modificandoli, aggiungendo ulteriori memorie e immagini rivissute da ricordare. L’intero manoscritto poi l’ha regalato alla sua giovane moglie, sposata nel dicembre del 1949. «Te li regalo, sono tuoi, ma tu non raccontare a nessuno cosa c’è scritto. Perché c’è scritto di morte, di fame e di dolore».
 Mamma ha rispettato questo suo volere, per sempre. Si è tenuta da conto quel manoscritto, come una reliquia, e non ne ha parlato mai con nessuno. Poi, dopo la morte di Papà, avvenuta nel luglio del 1985, ha voluto sciogliere quella promessa, ha ripreso questi fogli, e con pazienza e con passione li ha trascritti uno ad uno...
 (dall’Introduzione di Nanni Dietrich)

Alessandro Dietrich (25 dicembre 1916 - 13 luglio 1985) fu prigioniero nel campo di Wietzendorf tra il 1944 e il 1945.